Per qualsiasi motivo si decida di utilizzare una videocamera, è sempre consigliabile realizzare sequenze che possano successivamente essere  montate.
Ecco delle semplici regole basilari.

Pianificare le riprese

Il segreto per effettuare ottime riprese consiste nel sapere in anticipo come svilupperà la scena, in questo modo si avranno maggiori probabilità di non perdere i momenti più importanti.

Riprese ben ferme

Piedi ben piantati a terra, sorreggere la videocamera con entrambe le mani. Se si effettuano dei movimenti, farli uniformemente e con una meta ben precisa, decidendo in anticipo quale sarà il punto in cui ci si vorrà fermare.

Evitare il più possibile lo zoom, ed eventualmente scgliere di riprendere uilizzando inquadrature fisse più o meno ravvicinate.

Evitare di stringere lo zoom

Piuttosto è preferibile avvicinarsi al soggetto, perchè uno zoom stretto oltre a limitare notevolmente la profondità di campo, rende estremamente percettibile ogni minimo movimento di camera col risultato di ottenere delle riprese traballanti, se ciò non è possibile, appoggiarsi a qualcosa di solido o mettere la camera su un cavalletto.

Alternare riprese di tipo diverso

Effettuare riprese in campo lungo ed inquadrature ravvicinate, panoramiche dell’intero evento e primi piani. Un filmato con un solo tipo di riprese risulta statico e noioso.

Pensare al video come a una sequenza di scene

Mentre si stanno girando le riprese, pensare a come si intende effettuare il montaggio per essere certi di avere a disposizione tutte le riprese necessarie a narrare in modo dettagliato la storia che si vuol proporre. Le riprese effettuate con il grandangolo definiscono la scena, mentre i primi piani concentrano l’attenzione dello spettatore sull’azione principale.

Meglio eccedere

Partire in registrazione qualche secondo prima dell’inquadratura buona e continuare a filmare ancora per qualche secondo dopo quello che si ritiene sia il momento conclusivo della ripresa. Così facendo si avrà  spazio a sufficienza, in fase di montaggio, per le dissolvenze in entrata e in uscita o per pulire i movimenti sporchi.

Attenzione agli automatismi, meglio il manual

Le videocamere regolano automaticamente l’esposizione quando si sposta l’obiettivo da un’area buia ad una più luminosa, per evitare gli aggiustamenti sarebbe consigliabile disattivare l’esposizione automatica. Altrettanto sarebbe consigliabile per la messa a fuoco, magari provando prima le inquadrature per riscontrare le effettive distanze dei soggetti.

Attenzione alle inquadrature

I soggetti non devono essere centrati, piuttosto bisogna dare loro la giusta collocazione decentrtandoli opportunamente (es: il primo piano di una persona deve avere spazio – aria – davanti al viso e poco spazio dietro la testa), altrimenti le inquadrature potrebbero sembrare sbilanciate.

Attenti ai movimenti

Ricordiamoci che se un personaggio esce da un’inquadratura a destra non potremo farlo rientrare a sinistra perchè lo spettatore penserà che è tornado indietro!

Procurarsi spezzoni extra

Non riprendere solo l’azione, ma anche le reazioni delle persone e tutto ciò che potrebbe tornare utile in fase di montaggio, per mascherare i tagli apportati all’azione principale o per riempire quei momenti in cui la ripresa non è soddisfacente.

LAVORIAMO INSIEME

RACCONTAMI LE TUE IDEE

Se hai un’idea, un progetto, oppure hai bisogno di un consiglio, contattami!
Sarò felice di discuterne con Te per elaborare una strategia vincente.

Grazie per avermi inviato il tuo messaggio.
C'è un errore, per favore riprova tra un po' ...